Indice del forum
  
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi 
 RegistratiRegistrati   Log inLog in 
La data di oggi è Mar Set 25, 2018 2:45 am
Tutti i fusi orari sono UTC + 0
Leggi messaggi non letti
Leggi messaggi senza risposta
 Indice Forum » Italian Room » Diamo voce alla pace
Se si impaginano i giornali solo pensando ai mercati non si fa molta strada
Nuovo argomento   Rispondi Pagina 1 di 1 [1 Post] PrecedenteSuccessivo
Autore Messaggio
Roberto Reale



Registrato: 17/02/06 11:12
Messaggi: 1

 Se si impaginano i giornali solo pensando ai mercati non si fa molta strada

Roberto Reale, presidente di Information, Safety and Freedom

Il primo elemento che mi sento di portare è che l’orizzonte di una riflessione su questi temi deve essere sicuramente un orizzonte globale. Non è possibile oggi avere solo un orizzonte nazionale. C’è necessità di uno scambio, di un contatto, di un confronto con esperienze importantissime e che si realizzano su questi temi in tutto il mondo in questi anni, perché la questione dell’informazione è quella del cittadino che partecipa alla vita del suo paese, del mondo, avendo una gamma di conoscenze e un livello di consapevolezza tale da poter decidere e partecipare effettivamente alla vita pubblica. Questa questione è universale e come tale va assunta, e quindi anche da noi va assunta con un interscambio, un confronto e la possibilità quindi di conoscere. È fondamentale quindi la conoscenza di quello che accade nelle altri parti del mondo sugli stessi temi di cui ci si sta occupando oggi qui.
Il tema della pace è un tema fondamentale come anche il grande tema, che io terrei strettamente legato, dei diritti umani che la è grande discriminante, la grande questione che si pone al centro dell’attenzione oggi dello scenario mondiale, ovvero, il problema del rispetto dei diritti umani. Amnesty International ha posto un problema fondamentale, rispetto alla guerra irachena e agli insorti iracheni, dicendo che contribuiscono anche loro al massacro della popolazione civile. Questa è una grande questione che va posta perché il problema della tutela dei diritti umani è l’unica discriminante che ti permette di uscire da spirali di chi vuole guerre giuste o ingiuste e cose di questo genere. Ed è una questione che rimane aperta.
Per quanto riguarda l’assetto dei media, vado per titoli in grande velocità. Sicuramente le pressioni commerciali sono fortissime, le corporation realizzano metà dei loro profitti all’estero, e sicuramente le catene di comando nei giornali contano moltissimo, e poi c’è anche mancanza di cultura giornalistica, e c’è anche un problema di giornalisti, delle loro conoscenze, della loro capacità di cambiare, di influire di determinare e di cambiare le cose. Questo è un problema per i giornalisti, collocati a diversi livelli, con diversi livelli di responsabilità, che possono comunque contribuire a modificare le cose. Anche se non li ho monitorati tutti, tutti i giornali italiani hanno impaginato come prime notizie le cose che diceva Berlusconi a Cernobbio, ne dice tante e quindi fa notizia al dieci per cento e poi e soprattutto Fazio si e Fazio no.
La grande notizia di domenica era sicuramente New Orleans che è invece scivolata via in basso, così come è scivolata in basso nella conoscenza di tutti. Mi chiedo quante persone sanno che nella capitale degli Stati Uniti c’è una mortalità infantile doppia rispetto a Pechino, la mortalità infantile in alcune zone è perfino doppia all’India. Queste sono cose che ci danno un quadro di una situazione che è molto più complessa e ramificata, e soprattutto da scoprire e da conoscere. E qui c’è il grande problema della conoscenza giornalistica perché i giornalisti si documentano poco e i momenti di approfondimento sono pochi.
Dico solo una cosa per quanto riguarda il mercato, non è il mercato il punto di riferimento. I migliori giornalisti, anche quelli liberali degli Stati Uniti, spiegano che dal punto di vista del mercato le notizie utili alla democrazia non hanno spazio. Se si impaginano i giornali solo pensando ai mercati non si fa molta strada.
MessaggioInviato: Mar Feb 21, 2006 9:12 am
 Profilo Invia messaggio privato Rispondi citando Top 
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi Pagina 1 di 1 [1 Post] PrecedenteSuccessivo
 Indice Forum » Italian Room » Diamo voce alla pace
Vai a:  

Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi


Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it
[ Time: 0.0426s ][ Queries: 9 (0.0161s) ][ Debug on ]