Indice del forum
  
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi 
 RegistratiRegistrati   Log inLog in 
La data di oggi è Mar Nov 13, 2018 5:26 am
Tutti i fusi orari sono UTC + 0
Leggi messaggi non letti
Leggi messaggi senza risposta
 Indice Forum » Italian Room » Diamo voce alla pace
L’informazione a livello locale
Nuovo argomento   Rispondi Pagina 1 di 1 [1 Post] PrecedenteSuccessivo
Autore Messaggio
Carlo Salvicchi



Registrato: 17/02/06 11:15
Messaggi: 1

 L’informazione a livello locale

Carlo Salvicchi, direttivo dell’Arci

Intanto volevo fare un esempio negativo e uno positivo. Quello negativo lo ha fatto Remondino prima, è il caso del Niger e di come, a livello di notizia, si può creare una situazione anche grossa. Ricordiamoci anche un aspetto positivo. Rainews24, Genova e quelle immagini senza le quali sarebbe stato un sepolcro imbiancato quello che è successo lì. Ecco questo per dire che se si vuole si può provocare, non solo dei sassi in uno stagno, ma dei veri e propri casi, la cui risoluzione è un’altra cosa. Questo impegno, lo ha detto Serventi Longhi, lo dice spesso e fa bene, se c’è un unione forte tra i movimenti, il mondo dell’associazionismo e la società civile e gli operatori dell’informazione, può diventare un mix veramente forte per portare avanti alcune questioni. Ecco quali sono le questioni.
Io vorrei inserire un tema, in maniera breve per via dei tempi, ma forte. L’informazione a livello locale. Parliamo di un’alleanza di questo tipo e ne faccio un esempio. Si critica oggi il movimento perché non ci sono più le mega manifestazioni che portano in piazza le persone, auguriamoci che però queste persone ci siano domenica non in piazza ma lungo la Perugia-Assisi. Ecco si dice che quella roba li non c’è più. Noi come Arci diciamo una cosa diversa. Non è che non esiste più, è che quella roba è entrata nei nostri stili di vita, è entrata nel modus vivendi delle genti attraverso i piccoli gesti che però sono molto più importanti perché fanno parte di piccoli avanzamenti dello stato delle cose.
Io credo che fare una grande alleanza su questi temi vuol dire anche una unione, una sommatoria di tante piccole alleanze nel territorio. Se nel territorio tutto quello che c’è di tradizionale, i giornali e le radio locali, che svolgono un ruolo importante perché c’è un’audience e una lettura importante, accanto a quelli che sono i nuovi media, i blog, le web television e le tv di strada, nel singolo territorio, si muovono insieme, allora una comunicazione di pace, forse, diventa più facile e forse si da più forza ad un lavoro di questo tipo più a livello di stati generali, di gestione generale. Io inserirei questo tema, quello dell’informazione e del territorio anche in modo partigiano, perché un’associazione come la nostra che è molto radicata nel territorio può svolgere un ruolo maggiore in questo senso qui.
Un’ultima cosa, la questione del digitale, anche questo è un tema dei temi. Questo mondo della pace, dell’informazione e della comunicazione di pace, oltre a contaminare in modo trasversale, può creare anche dei ghetti, in questo caso positivi, per cercare di contaminare il più possibile intorno.
MessaggioInviato: Mar Feb 21, 2006 9:21 am
 Profilo Invia messaggio privato Rispondi citando Top 
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi Pagina 1 di 1 [1 Post] PrecedenteSuccessivo
 Indice Forum » Italian Room » Diamo voce alla pace
Vai a:  

Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi


Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it
[ Time: 0.0460s ][ Queries: 9 (0.0220s) ][ Debug on ]